giovedì 22 settembre 2016

Recensione - Sing - La musica dell'estate di Vivi Greene

Autrice: Vivi Greene
Editore: HarperCollins Italia
Data di pubblicazione: 15 settembre 2016
Pagine: 188
Prezzo e-book: € 6,99
Prezzo cartaceo: € 16,00

Lily Ross può aver vinto decine di dischi di platino ed essere un'icona pop planetaria, ma nella sua personale classifica le hit di maggior successo sono:
 1- AGONIA, esattamente quello che prova quando l'idiota di turno (l'ennesimo) le strappa il cuore dal petto e ci cammina sopra.
 2- FANTASMI, perché anche chi è ricca e famosa, come lei, ne ha qualcuno che la tormenta.
 3- MAI PIÙ, ovvero, alla larga da appuntamenti romantici con attori o pop star.
Ma quest'estate la musica sta per cambiare.
 In fuga dalle luci della ribalta, Lily si rifugia insieme alle sue migliori amiche nel bel mezzo del nulla, su un'isoletta del Maine. Dopo l'ultimo disastro sentimentale, ha deciso di concedersi tre mesi per concentrarsi su se stessa, sul lavoro, sul prossimo tour che partirà in autunno. Su tutto, insomma, tranne che sul genere maschile. Il piano sembra funzionare fino a quando non incontra Noel Bradley. Lui è dolce, affascinante, alla mano e soprattutto così diverso dai ragazzi con cui è abituata a uscire. Improvvisamente Lily si scopre innamorata, in un modo che non le era mai capitato prima. Ma lei ama anche la musica, i fan e quando l’estate finisce e arriva il momento di tornare alla sua vera vita, sa di dover compiere una scelta. Solo, non sa quale sia quella giusta.


Sembra che Lily sia destinata ad avere il cuore spezzato.
Non appena crede che niente la separerà dal suo attuale fidanzato, ecco che puntualmente viene lasciata ed ecco che deve ripartire daccapo. 
Stavolta però è più difficile delle precedenti e non solo perché il legame con Jed si è spezzato, ma anche per qualcosa di molto più importante, che potrebbe mettere a rischio la sua carriera nel mondo della musica.

Infatti all'orizzonte c'è il nuovo tour, occasione in cui la casa discografica lancerà il suo nuovo disco Forever, composto da una serie di canzoni tutte ispirate o dedicate al suo amore per Jed e che adesso hanno perso ogni significato.



L'industria discografica è una macchina che macina soldi, poco importa ciò che sta dietro a ogni canzone, l'essenziale è che spopoli e frutti del denaro, ma Lily non può fingere che niente sia accaduto e lasciare che vengano messe in commercio tracce che non le appartengono più.
Allora, visto che ha ancora un paio di mesi di tempo, chiude momentaneamente la saracinesca della sua vita da star e, insieme alle due migliori amiche, si rifugia su un'isoletta del Maine.

Il suo obiettivo non è soltanto quello di riposare e una volta tanto non dover stare troppo attenta ai riflettori, ma anche quello di ritrovare se stessa, l'ispirazione non legata all'innamoramento e scrivere le canzoni per un nuovo disco.
Non passa molto tempo prima che scopra le meraviglie dell'isola, meraviglie che non riguardano soltanto i panorami mozzafiato e le onde dell'oceano, bensì due occhi azzurri e un vecchio pick-up con cui avrà un vero e proprio scontro.
Nonostante Lily abbia detto basta alle relazioni, ecco che si ritrova con una cotta per il bel Noah, che alimenta con appuntamenti segreti e pensieri romantici. E tutto all'insaputa delle sue amiche che altrimenti gliene direbbero quattro.

Stare con Noah è semplice. Lui è semplice e dolce e conduce una vita umile. Controllare i sentimenti per lui diventerà ogni giorno più difficile, ma Lily sa che sarebbe inutile lasciarsi coinvolgere troppo: presto dovrà andare via dall'isola, quel ragazzo non fa parte del suo mondo e rischia di essere inghiottito da un sistema spietato. E se a questo aggiungiamo il suo agente acquattato dietro l'angolo in attesa di nuove canzoni, Jed che ritorna pentito e dei problemi da appianare con le migliori amiche, la situazione è destinata a precipitare ancor di più.
Come farà Lily a venirne fuori?


Cosa mi è piaciuto? La storia in sé è carinissima, sboccia piano attraversando diverse fasi e arriva al culmine dando un insegnamento non da poco: dobbiamo essere senza bisogno di altre persone. Siamo indipendentemente da tutti. Non ci si può affidare agli altri per essere felici, dobbiamo esserlo dentro di noi e per noi in primis.


Coraggioso e - secondo me riuscito - l'azzardo dell'autrice nell'invertire i ruoli a cui ci hanno abituato troppo spesso, ovvero lui milionario e lei ragazza normale; qui abbiamo Lily milionaria e Noah che guadagna da vivere con fatica.
Molto intenso anche il rapporto che lega la protagonista alle sue due migliori amiche, che compariranno spesso nel romanzo.

Cosa non mi è piaciuto? I mancati approfondimenti. Mi ponevo domande che non trovavano mai risposta, poi mi sono resa conto che il libro è lungo soltanto 188 pagine, quindi era normale che mi mancasse qualcosa. 
L'altro particolare che non mi è piaciuto è stata la fissazione di Lily nel volere una relazione a tutti i costi, come se rimanere single fosse inaccettabile o uno spreco di tempo.


Sing è stato quello che io chiamo il mio sbloccolibro, ovvero un libro che ha disposto di nuovo la mia mente alla lettura dopo un periodo di blocco, perciò sono felicissima di averlo letto, è arrivato proprio nel momento giusto!
Nonostante la struttura semplice della storia - e diciamo anche l'età di riferimento adolescenziale - è riuscito a coinvolgermi e farmi passare un paio di ore in spensieratezza!

Con uno stile scorrevole e una trama leggera Vivi Greene ci racconta il pezzo di vita di una cantante famosa e di come sia riuscita a trovare la formula perfetta del suo Forever, ben diversa da quella che aveva sempre immaginato.

Sing la musica dell'estate è un libro alla riscoperta di se stessi e del potenziale che abbiamo dentro, indipendentemente dalle persone che ci ruotano intorno. 

Affidarsi agli altri è una cosa difficile, ma ancora più difficile è trovare la forza per affidarsi a se stessi. 



Carmen



Nessun commento:

Posta un commento