domenica 17 luglio 2016

Recensione - Come trovare il marito perfetto di Tracy Brogan

Autrice: Tracy Brogan
Editore: Amazon Crossing
Data di pubblicazione: 14 luglio 2016
Pagine: 324
Prezzo e-book: € 3,99
Prezzo cartaceo: € 9,99

Sinossi: A Bell Harbor ritengono tutti che la dottoressa Evelyn Rhoades, un chirurgo plastico concentrato sulla carriera, abbia bisogno di un marito. Tutti, eccetto Evelyn... più o meno. Anche se lei volesse un marito (cosa che non vuole... il più delle volte), non permetterebbe mai a qualcosa di intangibile come il fato di stabilire chi sposerà. No, se dovrà trovarsi qualcuno con cui trascorrere la sua vita, lo farà in maniera scientifica: con una lista di requisiti stilata con cura e un sito d’incontri.
Ma quando Tyler Connelly irrompe ubriaco nella sua vita per mezzo di un acquascooter rubato, le emozioni sfidano il buonsenso. Certo, lui è sexy, affascinante e determinato a conquistare l’interesse di Evelyn, ma tutto fa pensare che sia la peggior scelta possibile. È troppo giovane per lei. Troppo irresponsabile. Troppo disoccupato. E... oh sì, è un suo paziente.
Ma Tyler ha sperimentato sulla sua pelle che anche i piani migliori possono sgretolarsi sotto il peso del fato. Ora non gli resta che insegnare a Evelyn che, nelle questioni di cuore, l’amore spesso soppianta la logica.


Che cosa succede quando spegni trentacinque candeline e non hai ancora un marito al tuo fianco?
Semplice...
Stili una lista delle caratteristiche, ti iscrivi su un sito di incontri e lasci che il computer lo cerchi al posto tuo!
Evie si è trasferita da poco a Bell Harbor, una piccola cittadina dove la privacy è solo un miraggio lontano e il termine "segreto" non compare sul vocabolario.
Proprio come i suoi genitori ha intrapreso la carriera medica diventando un chirurgo plastico molto stimato. È dedita al suo lavoro ed è fiera della professionalità con cui lo svolge; del resto è per quello che ha trascorso i migliori anni della gioventù chinata sui libri.
Tuttavia quando si ritrova sulla testa una corona di finti diamanti e tutte quelle candeline da soffiare, si chiede se non abbia sacrificato troppo, se non stia mettendo da parte la sua vita per la sua professione.
Oh, normalmente non si farebbe mai certe domande, ma quelle perfide delle sue amiche - insieme a qualsiasi altra persona le stia intorno - sembra che siano lì apposta per ricordarle il ticchettare dell'orologio biologico, trasformando così la festa di compleanno in una festa di commemorazione all'età fertile che si allontana piano piano. Per fortuna una chiamata dal pronto soccorso la strappa dalle grinfie delle arpie: un paziente ferito ha bisogno di una sutura. 
E che paziente…


Tyler ha 27 anni, quindi è molto più giovane di Evie, è ubriaco, secondo la cartelletta dei suoi dati è anche disoccupato, e ciliegina sulla torta... Viene arrestato davanti ai suoi occhi.
Non c'è nemmeno bisogno di sforzarsi per capire che bisogna stare alla larga da un uomo come quello... E allora perché sta facendo certi pensieri su di lui? No, no, no!

Per fortuna Tyler viene portato via, problema risolto. Sì, risolto, ma solo per qualche giorno, perché l'aitante ragazzo dalle spalle larghe e gli occhi di un azzurro chiarissimo, ritorna da lei per togliere i punti di sutura e soprattutto per chiederle di uscire.

Evie rifiuta. Il suo cervello lancia di continuo degli allarmi: più giovane, ubriaco, disoccupato, arrestato. No, Tyler non è il ragazzo giusto per lei. Sfumata la possibilità, con l'aiuto delle amiche, si iscrive su un sito di incontri. Inserisce la lista delle qualità del suo possibile compagno di vita e inizia ad andare a degli appuntamenti. Disastrosi appuntamenti. E sarebbe bello se nessuno vi assistesse, ma guarda un po'... è proprio Tyler che vi assiste.

Grazie alla tenacia di quest'ultimo e al piccolo aiutino del destino, i nostri protagonisti inizieranno a vedersi.

Evie imparerà a conoscerlo e a capire che si è fatta un'idea completamente sbagliata su di lui, ciononostante rimane ferma sulle sue posizioni: quella fra di loro non sarà niente di più che un'avventura, conducono vite troppo diverse per farle collidere. 


Anche Tyler la pensa come lei, però al contrario di Evie, cerca di superare tutte le barriere che si ergono fra di loro. 


Come trovare il marito perfetto è il secondo episodio della serie di Bell Harbor preceduto da Guida agli appuntamenti per imbranate. Ognuno dei libri è autoconclusivo, quindi si possono leggere indipendentemente l’uno dall’altro.

Mi sono divertita un sacco in questo viaggio, e fra una pausa e l’altra non vedevo l’ora di tornare a immergermi nella storia. I due protagonisti mi hanno catturato nel loro vortice di strambe vicissitudini e non mi hanno lasciato uscire fino all’ultima pagina.

Tyler è un ragazzo d’oro in tutti i sensi. I guai in cui si ritrova sono dovuti al suo altruismo e al suo buon cuore. Rappresenta uno di quegli uomini che deve faticare per andare avanti, oltre a doversi occupare di una difficile situazione familiare. I suoi sogni? Sono solo sogni… Purtroppo non ha molte possibilità per realizzarli.


Evie è simpaticissima e formula dei pensieri sarcastici così vicini a quelli che formulerei io, che non smettevo di ridere. Tra l’altro sono tutti legati analogicamente al suo lavoro: simpatico come una lobotomia, avevo bisogno di una pastiglia di Dramanina, quella torta era diventato crack puro nel mio corpo e dovevo neutralizzarlo con qualcos’altro oltre all’acqua.
È una donna indipendente e forte. Ha le idee ben chiare su ciò che è meglio per lei e devo dire che qualche volta la sua testardaggine mi ha dato sui nervi. Inizialmente non ammette la verità neanche a se stessa, cerca di pianificare ogni cosa e giudica Tyler secondo i consueti e opportunistici modelli della società, senza badare ai sentimenti

Qui non ci troviamo davanti soltanto a una storia d’amore, anzi, posso dire che la crescita di Evie e il plasmare le sue idee in base a quello che desidera e non a quello che dovrebbe desiderare, ha molto più spazio rispetto a tutto il resto. Mi sarebbe piaciuto vedere l'evolversi del loro rapporto più nei dettagli, questa è una cosa di cui ho sentito un po' la mancanza.


Questo libro è stata una piacevole scoperta. Divertente e frizzante, è la storia perfetta per l’estate, da portare in spiaggia e leggere tutta d’un fiato sotto l’ombrellone.

Mi piacciono le storie che alla fine mettono da parte la ragione e parlano col cuore, e Come trovare il marito perfetto è una di queste!



xoxo Carmen




Nessun commento:

Posta un commento